Lo chiamavano “sviluppo”: il complicato rapporto di Gela con l’Eni