L'area centrale veneta: “diffusione in evoluzione