Il giovane Labriola tra Hegel e Spaventa