Il sublime e la poetica cosmologica