Il contributo delle neuroscienze ad una “semantica esistenziale”: schizofrenia e potenziali evocati