"E ci troviamo faccia a faccia...". Note su alcune 'formes figées' nella traduzione francese de "Il cane di terracotta" di A. Camilleri