Alcune note su Chatham House e la visione inglese dell'Italia fascista