Spazio “oggettivo” e spazio “vissuto” in un'esperienza di pianificazione regionale comunitaria in Sicilia