Il contributo intende mettere in risalto la complessità del rapporto tra Bonifacio VIII e Carlo II d'Angiò, andando oltre il luogo comune storiografico in base al quale il sovrano angioino sarebbe stato un debole nelle mani del pontefice. Indagando i rapporti politici ed umani intercorsi tra i due viene fuori, infatti, un quadro molto meno sbilanciato, grazie al quale è possibile dimostrare che Carlo II, con sapiente tattica attendista, riuscì non solo a tenere testa alle pretese pontificie, ma addirittura a porre le premesse per una politica di lunga durata della corona angioina sganciata da una opprimente tutela pontificia.

Bonifacio VIII e Carlo II d'Angiò

TOCCO, Francesco Paolo
2006

Abstract

Il contributo intende mettere in risalto la complessità del rapporto tra Bonifacio VIII e Carlo II d'Angiò, andando oltre il luogo comune storiografico in base al quale il sovrano angioino sarebbe stato un debole nelle mani del pontefice. Indagando i rapporti politici ed umani intercorsi tra i due viene fuori, infatti, un quadro molto meno sbilanciato, grazie al quale è possibile dimostrare che Carlo II, con sapiente tattica attendista, riuscì non solo a tenere testa alle pretese pontificie, ma addirittura a porre le premesse per una politica di lunga durata della corona angioina sganciata da una opprimente tutela pontificia.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/1673367
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact