Recensione a V. Cappelletti, Dall'ordine alle cose