La discrezionalità dei pubblici poteri come doppio vincolo