"Al di là del futurismo". Ruggero Vasari e l'orrore delle macchine