La natura del linguaggio: pennacchio o progetto?