La metafora autoimmunitaria del politico