Il "cammello di fuoco". Rituale apotropaico e spazio politico