“Movetur urbs sedibus sui”. Architettura, parola, immagine nella dimensione etico-politica del martyrium