Dal mondo disincantato alla natura storicizzata: Weber e Prigogine