Mach e Musil: l’io insalvabile e il tramonto dell’idea di causalità