Il "tacco e il martello": sulla nozione di autorità in Hannah Arendt