Insegnanti, sempre in prima linea?