Abramo, o l'universalismo dell'altro