Potere politico, relazioni personali e cultura scientifica: i "galileiani" a Messina