Le istituzioni mediatiche tra stereotipi e “copioni”