Riflessioni sull'interdetto "ne quid in loco sacro fiat"