Alla ricerca dell'esegesi origeniana di Matteo 6,28-30