L’area della fiumara Gazzi è caratterizzata oltre che da un’edilizia residenziale diffusa e disordinata, anche dalla presenza di alcuni grossi poli urbani. Questa zona va configurandosi come un nodo intermodale. Il Comune di Messina prevede in questa area la realizzazione di un centro direzionale e della nuova stazione ferroviaria “Messina ponte”. Il progetto tenendo conto della presenza della fiumara Gazzi e della consolidata difficoltà della città di Messina a raggiungere la sua costa, rinaturalizza il corso d’acqua e si inserisce con un impianto che ne segue la direzione. Sulla riva sinistra un “edificio ponte”, che ospita le funzioni dedicate all’esercizio ferroviario e gli spazi commerciali, vuole ricucire la cesura che l’attuale apparato infrastrutturale rappresenta per la città nei confronti della costa; allo stesso tempo esso consente l’affaccio sulla fiumara, grazie ai giardini che lo incrociano trasversalmente e che si protraggono fino all’acqua del torrente. Il volume appare come un monolite dalle grandi dimensioni e dalle linee secche; regolare e dritto s sul fronte della strada che lo costeggia sulla sinistra, irregolare sulla riva della fiumara, come se fosse stato modellato dalle acque ritornate a cielo aperto nella loro naturale configurazione. Un secondo volume di impianto rettangolare posto sulla destra della fiumara accoglie il centro direzionale e dialoga col monolite ad esso parallelo.

Progetto "Tra terra e mare, La nuova stazione ferroviaria di Messina in località Gazzi"

CAMINITI, EDOARDO
2012

Abstract

L’area della fiumara Gazzi è caratterizzata oltre che da un’edilizia residenziale diffusa e disordinata, anche dalla presenza di alcuni grossi poli urbani. Questa zona va configurandosi come un nodo intermodale. Il Comune di Messina prevede in questa area la realizzazione di un centro direzionale e della nuova stazione ferroviaria “Messina ponte”. Il progetto tenendo conto della presenza della fiumara Gazzi e della consolidata difficoltà della città di Messina a raggiungere la sua costa, rinaturalizza il corso d’acqua e si inserisce con un impianto che ne segue la direzione. Sulla riva sinistra un “edificio ponte”, che ospita le funzioni dedicate all’esercizio ferroviario e gli spazi commerciali, vuole ricucire la cesura che l’attuale apparato infrastrutturale rappresenta per la città nei confronti della costa; allo stesso tempo esso consente l’affaccio sulla fiumara, grazie ai giardini che lo incrociano trasversalmente e che si protraggono fino all’acqua del torrente. Il volume appare come un monolite dalle grandi dimensioni e dalle linee secche; regolare e dritto s sul fronte della strada che lo costeggia sulla sinistra, irregolare sulla riva della fiumara, come se fosse stato modellato dalle acque ritornate a cielo aperto nella loro naturale configurazione. Un secondo volume di impianto rettangolare posto sulla destra della fiumara accoglie il centro direzionale e dialoga col monolite ad esso parallelo.
9788854856400
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/2555036
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact