Lo studio si propone di indagare gli effetti della generale concessione della cittadinanza ro-mana a tutti i residenti nell’Impero da parte di Antonino Caracalla nel 212 d.C. dal punto di vista linguistico, ed esamina un ambito in cui, già in precedenza, si era manifestato il problema del multi-linguismo, vale a dire il mondo dei commerci. A questo scopo, vengono analizzati alcuni passi, tratti dal commentario di Ulpiano ai libri tres iuris civilis di Sabino, attinenti alla stipulatio e l’attenzione viene focalizzata in modo particolare su D. 45.1.1.6, per metterne in luce le problematiche: la disciplina delle stipulationes bilingui e l’estensione alle lingue diverse da quella greca di tale regolamentazione. Dopo aver posto in correlazione la posizione di Ulpiano a favore delle stipulazioni bilingui con un indirizzo giurisprudenziale dell’età dei Severi, tendente ad assegnare sempre meno importanza ai verba in quanto tali, e con il dibattito in voga presso le scuole filosofiche sulla valenza dei nomi, si approfondisce, nella prospetiva di Ulpiano, la questione del rapporto tra l’ammissione delle lingue straniere nella conceptio verborum della stipulatio ed il requisito della congruentia.

D. 45.1.1.6 (Ulp. 48 ad Sab.): lingue straniere e conceptio verborum della stipulatio nella prospettiva di Ulpiano

CUSMA' PICCIONE, Alessandro
2013

Abstract

Lo studio si propone di indagare gli effetti della generale concessione della cittadinanza ro-mana a tutti i residenti nell’Impero da parte di Antonino Caracalla nel 212 d.C. dal punto di vista linguistico, ed esamina un ambito in cui, già in precedenza, si era manifestato il problema del multi-linguismo, vale a dire il mondo dei commerci. A questo scopo, vengono analizzati alcuni passi, tratti dal commentario di Ulpiano ai libri tres iuris civilis di Sabino, attinenti alla stipulatio e l’attenzione viene focalizzata in modo particolare su D. 45.1.1.6, per metterne in luce le problematiche: la disciplina delle stipulationes bilingui e l’estensione alle lingue diverse da quella greca di tale regolamentazione. Dopo aver posto in correlazione la posizione di Ulpiano a favore delle stipulazioni bilingui con un indirizzo giurisprudenziale dell’età dei Severi, tendente ad assegnare sempre meno importanza ai verba in quanto tali, e con il dibattito in voga presso le scuole filosofiche sulla valenza dei nomi, si approfondisce, nella prospetiva di Ulpiano, la questione del rapporto tra l’ammissione delle lingue straniere nella conceptio verborum della stipulatio ed il requisito della congruentia.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/2642570
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact