Messico e centro-America. Vigore del mercato, sterilità della politica