Partendo dalla premessa che la questione delle nazionalità in fermento nell’area danubiano-balcanica contro gli imperi multinazionali costituisce uno dei motivi più profondi della crisi che porta allo scoppio della Grande Guerra, il saggio prende in esame l’evolversi di tale crisi nei Paesi boemi (České země), concentrando l’attenzione sul contrastato rapporto con il potere asburgico avuto da colui che, dopo il conflitto, sarebbe stato il “padre” fondatore e primo presidente dello Stato cecoslovacco. Può sembrare sorprendente che Tomáš G. Masaryk, un filosofo che aveva sempre professato le idee della tolleranza e di un liberalismo umanitario (filozofie humanitní) e che, da posizioni politicamente moderate, aveva cercato fino all’ultimo il dialogo con la componente tedesca dell’Impero, un uomo che aveva pure aspramente criticato lo sterile nazionalismo dei Vecchi e dei Giovani Cechi, operi, una volta scoppiata la guerra, una radicale scelta di campo in direzione della solidarietà slava e contro l’ipotesi di un futuro dominio pangermanista su tutta l’Europa centrale e balcanica. Nel contributo si ricostruiscono le cause e le tappe di tale svolta nell’azione politica di Masaryk.

Loyalty to the Habsburgs or Slavic Solidarity? Masaryk's Dilemma in 1914

FORNARO, Pasquale
2015

Abstract

Partendo dalla premessa che la questione delle nazionalità in fermento nell’area danubiano-balcanica contro gli imperi multinazionali costituisce uno dei motivi più profondi della crisi che porta allo scoppio della Grande Guerra, il saggio prende in esame l’evolversi di tale crisi nei Paesi boemi (České země), concentrando l’attenzione sul contrastato rapporto con il potere asburgico avuto da colui che, dopo il conflitto, sarebbe stato il “padre” fondatore e primo presidente dello Stato cecoslovacco. Può sembrare sorprendente che Tomáš G. Masaryk, un filosofo che aveva sempre professato le idee della tolleranza e di un liberalismo umanitario (filozofie humanitní) e che, da posizioni politicamente moderate, aveva cercato fino all’ultimo il dialogo con la componente tedesca dell’Impero, un uomo che aveva pure aspramente criticato lo sterile nazionalismo dei Vecchi e dei Giovani Cechi, operi, una volta scoppiata la guerra, una radicale scelta di campo in direzione della solidarietà slava e contro l’ipotesi di un futuro dominio pangermanista su tutta l’Europa centrale e balcanica. Nel contributo si ricostruiscono le cause e le tappe di tale svolta nell’azione politica di Masaryk.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/2994168
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact