L’immagine fotografica negli archivi storici del “Mandalari”