La categoria dei beni comuni era collocata sinora in una zona residuale rispetto alla dicotomia proprietà privata – proprietà pubblica tanto da giustificare la definizione degli stessi come “l’altro modo di possedere” . La rottura di uno schema proprietario rigido, non necessariamente funzionale al mercato, e la sua flessibilità nel recepire contenuti sempre nuovi hanno messo in crisi l’anzidetta logica binaria, favorendo la riconcettualizzazione del bene giuridico e l’introduzione nell’ambito della relativa categoria della figura del bene comune

I beni comuni: dall'individualismo alla solidarietà

FAZIO, Eugenio
2016

Abstract

La categoria dei beni comuni era collocata sinora in una zona residuale rispetto alla dicotomia proprietà privata – proprietà pubblica tanto da giustificare la definizione degli stessi come “l’altro modo di possedere” . La rottura di uno schema proprietario rigido, non necessariamente funzionale al mercato, e la sua flessibilità nel recepire contenuti sempre nuovi hanno messo in crisi l’anzidetta logica binaria, favorendo la riconcettualizzazione del bene giuridico e l’introduzione nell’ambito della relativa categoria della figura del bene comune
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
FAZIO Beni comuni.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 1.95 MB
Formato Adobe PDF
1.95 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/3089349
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact