Si esaminano criticamente le interpretazioni contemporanee che definiscono la filosofia hegeliana come un “realismo concettuale” (Brandom, Stern), o “realismo diretto” (Halbig, Siep, Putnam) compatibile con un “realismo implicito” del senso comune (Quante, McDowell). Si conviene che la filosofia è tale solo se non si limita ad una coerenza autoreferenziale, ma è volta a comprendere sé stessa (il proprio lessico, metodo, organizzazione, finalità) in funzione dell’esplicazione del reale.

Concepto y Realidad en Hegel

Giuspoli, Paolo
2017

Abstract

Si esaminano criticamente le interpretazioni contemporanee che definiscono la filosofia hegeliana come un “realismo concettuale” (Brandom, Stern), o “realismo diretto” (Halbig, Siep, Putnam) compatibile con un “realismo implicito” del senso comune (Quante, McDowell). Si conviene che la filosofia è tale solo se non si limita ad una coerenza autoreferenziale, ma è volta a comprendere sé stessa (il proprio lessico, metodo, organizzazione, finalità) in funzione dell’esplicazione del reale.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
26. Giuspoli, Concepto y Realidad.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 220.81 kB
Formato Adobe PDF
220.81 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/3112056
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact