Sul contenuto intuitivo della cinematica e della meccanica quantoteoriche