Tra pragmatica e sintassi: sull’impiego di φίλος in Οmero