La “sete” generativa nei percorsi di formazione dei docenti