Assolutismo sovversivo? Una nota sulla complessità del dispositivo hobbesiano