Lia Cigarini e il vuoto legislativo come libertà