Il re neutro della complessità: una lettura simmeliana