Il modello toscano tra equità e conflittualità