Nota su Bodini, Giudici e l’esperienza come poetica