Le radici immaginarie della politica: una lettura weberiana