La religiosità nella pratica turistica risponde ad una domanda di bisogno spirituale del viaggiatore, del viandante (homo viator), del pellegrino orientata alla ricerca dei luoghi della fede e della devozione religiosa testimoniate dalla memoria dei Padri della Chiesa e tramandate nei secoli dalle tradizioni orali. La “lenta bellezza”, come la definiscono gli esperti al turismo, ripone al primo posto la Persona e la Comunità locale in cui vi abita. E la “lenta bellezza”, che ricade in questo anno, si celebra il turismo lento, dopo quello dell’anno dei Cammini (2016), dei Borghi (2017), del Cibo (2018), e ci introduce nel cuore dei territori che lega la religiosità al turismo attraverso il trinomio: culto, cultura, cibo. In questa ottica, il turismo religioso appare strategico per la formulazione delle politiche turistiche di ripopolamento dei borghi o delle aree rurali interne. Basti pensare al turismo “di ritorno” o “delle origini” che rappresenta per le Comunità montane un generatore economico,

Devozione, fede: risorse spirituali come traino per un turismo dei luoghi.

Filippo Grasso
2020

Abstract

La religiosità nella pratica turistica risponde ad una domanda di bisogno spirituale del viaggiatore, del viandante (homo viator), del pellegrino orientata alla ricerca dei luoghi della fede e della devozione religiosa testimoniate dalla memoria dei Padri della Chiesa e tramandate nei secoli dalle tradizioni orali. La “lenta bellezza”, come la definiscono gli esperti al turismo, ripone al primo posto la Persona e la Comunità locale in cui vi abita. E la “lenta bellezza”, che ricade in questo anno, si celebra il turismo lento, dopo quello dell’anno dei Cammini (2016), dei Borghi (2017), del Cibo (2018), e ci introduce nel cuore dei territori che lega la religiosità al turismo attraverso il trinomio: culto, cultura, cibo. In questa ottica, il turismo religioso appare strategico per la formulazione delle politiche turistiche di ripopolamento dei borghi o delle aree rurali interne. Basti pensare al turismo “di ritorno” o “delle origini” che rappresenta per le Comunità montane un generatore economico,
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/3172671
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact