I pipistrelli, il riccio e la volpe. L’utilità della filosofia in ciabatte