La pandemia e i controllori dei tombini. Riflessioni sul paternalismo ai tempi del coronavirus