Finità e infinità della soggettività. Lettera aperta a Carmelo Vigna