La costruzione sociale del paesaggio tra oversider e partecipazione