"Pensare il teologico-politico a partire dalla pena di morte": il sovrano, l'Illuminismo e la decostruzione