Alle origini del pensiero della tecnica di Heidegger svolge un ruolo decisivo l'incontro con il pensiero di Ernst Jünger. Heidegger stesso ha riconosciuto il proprio debito nei confronti di testi come La mobilitazione totale (1930) e L'operaio (1932), a partire dai quali la questione della tecnica, assunta in chiave ontologica, diventa un tema centrale nel suo pensiero. Inoltre, ancora a partire dalla concezione jüngeriana della tecnica, Heidegger potrà interpretare il pensiero di Nietzsche in una nuova chiave, riconoscendo nella volontà di potenza, che si esplica nella Machenschaft, l'esito ultimo della metafisica come nichilismo compiuto.

Alle origini del pensiero della tecnica. Heidegger e l’incontro con Jünger

Caterina Resta
2021

Abstract

Alle origini del pensiero della tecnica di Heidegger svolge un ruolo decisivo l'incontro con il pensiero di Ernst Jünger. Heidegger stesso ha riconosciuto il proprio debito nei confronti di testi come La mobilitazione totale (1930) e L'operaio (1932), a partire dai quali la questione della tecnica, assunta in chiave ontologica, diventa un tema centrale nel suo pensiero. Inoltre, ancora a partire dalla concezione jüngeriana della tecnica, Heidegger potrà interpretare il pensiero di Nietzsche in una nuova chiave, riconoscendo nella volontà di potenza, che si esplica nella Machenschaft, l'esito ultimo della metafisica come nichilismo compiuto.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/3215098
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact