La gestione amministrativa del vasto territorio sconvolto dal terremoto di Messina del 28 dicembre 1908 rimase schiacciata dal fardello dell’insipienza cronica di tutti gli interventi, ordinari o straordinari, del governo italiano nel Mezzogiorno. In effetti, la macchina della solidarietà internazionale mobilitatasi dopo il sisma del 1908 si comportò in maniera più che soddisfacente sia nella fase immediatamente successiva all’evento, con l’arrivo dei primi soccorsi, sia nella seguente fase della ricostruzione. Quello che risultò carente fu, invece, proprio il ruolo dello Stato italiano nella gestione del disastro che colpì Messina e Reggio Calabria.

Il terremoto di Messina del 1908: tra stato d'assedio e solidarietà internazionale.

Giuseppe Bottaro
2022

Abstract

La gestione amministrativa del vasto territorio sconvolto dal terremoto di Messina del 28 dicembre 1908 rimase schiacciata dal fardello dell’insipienza cronica di tutti gli interventi, ordinari o straordinari, del governo italiano nel Mezzogiorno. In effetti, la macchina della solidarietà internazionale mobilitatasi dopo il sisma del 1908 si comportò in maniera più che soddisfacente sia nella fase immediatamente successiva all’evento, con l’arrivo dei primi soccorsi, sia nella seguente fase della ricostruzione. Quello che risultò carente fu, invece, proprio il ruolo dello Stato italiano nella gestione del disastro che colpì Messina e Reggio Calabria.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/3240132
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact