Messina nei secoli finali del Medioevo si caratterizza per il suo estremo dinamismo e per le sue velleità di egemonizzare l'isola, protrattesi per buona parte dell'Età moderna, e costruisce la propria autorappresentazione identitaria attorno ad alcuni elementi finalizzati a confortare tali aspirazioni. Il contributo analizza una di queste componenti identitarie, quella cavalleresca, ricercandone le origini nella fisionomia "comunale" della città duecentesca, e ripercorrendone gli sviluppi e le modificazioni sino agli albori del Cinquecento.

"La dimensione cavalleresca 
nell'identità di Messina medievale"

TOCCO, Francesco Paolo
2009-01-01

Abstract

Messina nei secoli finali del Medioevo si caratterizza per il suo estremo dinamismo e per le sue velleità di egemonizzare l'isola, protrattesi per buona parte dell'Età moderna, e costruisce la propria autorappresentazione identitaria attorno ad alcuni elementi finalizzati a confortare tali aspirazioni. Il contributo analizza una di queste componenti identitarie, quella cavalleresca, ricercandone le origini nella fisionomia "comunale" della città duecentesca, e ripercorrendone gli sviluppi e le modificazioni sino agli albori del Cinquecento.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/6892
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact